Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224

Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224
MAIL: anpi_pra@virgilio.it - TEL: 3463002468

"Le manifestazioni neofasciste vanno vietate"

Le manifestazioni neofasciste vanno vietate. La segreteria nazionale dell'Anpi torna sul problema delle ricorrenti manifestazioni che si richiamano esplicitamente al fascismo e al nazismo e lancia un appello alle istituzioni e alle autorità.
L'ultima provocazione in ordine di tempo è quella di Forza Nuova e CasaPound in Lombardia e Veneto su cui è stato diffuso il seguente documento:
"Le autorità competenti, a livello governativo, regionale e locale proibiscano manifestazioni che assumono un netto carattere fascista, pubblicamente utilizzando simboli e vessilli del passato regime; e comunque siano vigilanti affinché non appaiano, in qualunque occasione, i predetti simboli, che suonano di per sé oltraggio alla Resistenza ed ai valori costituzionali" 
La Segreteria nazionale dell'ANPI a conoscenza del fatto che si preannunciano un altro incontro, in Lombardia, di esponenti della destra nazifascista europea, e in provincia di Treviso una Festa nazionale di CasaPound, con un programma, all'apparenza innocuo, ma sono note manifestazioni e dichiarazioni di esponenti di questo gruppo tutt'altro che conformi alle regole ed ai principi costituzionali;

considerato
inoltre che nel Paese si stanno moltiplicando episodi e manifestazioni razziste o xenofobe;

sottolinea
la necessità che qualunque manifestazione resti rigorosamente ancorata ai principi della Carta Costituzionale e delle leggi vigenti;

invita
le Autorità competenti, a livello governativo, regionale e locale a proibire manifestazioni che assumano un netto carattere fascista, pubblicamente utilizzando simboli e vessilli del passato regime; e comunque a vigilare affinché non appaiano, in qualunque occasione, i predetti simboli, che suonano di per sé oltraggio alla Resistenza ed ai valori costituzionali;

sollecita
l'applicazione rigorosa della legge Mancino in tutti i casi in cui si manifesti apologia o rimpianto del regime fascista e/o si esprima odio razziale e incitamenti alla xenofobia, attacchi ad ogni tipo di diversità;

invita
le proprie organizzazioni periferiche, e in particolare quelle dei luoghi direttamente interessati alle citate vicende ad intervenire presso le Autorità competenti perché siano rispettate la Costituzione e le leggi che ad esse fanno riferimento;

invita
altresì le organizzazioni provinciali e regionali competenti per territorio ad organizzare manifestazioni che sottolineino il carattere antifascista della Costituzione repubblicana e il rifiuto di ogni manifestazione o iniziativa che si richiami, in modo diretto o indiretto, ad un passato di lutti, di barbarie, di rovina e di privazione della libertà.

L'ANPI nazionale dedicherà prossimamente una giornata di riflessione su quanto sta accadendo in Italia in questi mesi, su ciò che si è realizzato dopo il documento antifascista del 25 luglio 2012 approvato dall'ANPI e dall'Istituto Cervi e su quali iniziative occorra ancora adottare per ottenere più efficaci risultati sul piano dell'antifascismo, del rispetto e attuazione della Costituzione e della democrazia.
FONTE: A.N.P.I. NAZIONALE

Nessun commento:

Posta un commento